in

Quanto costa Netflix in Giappone?

Netflix è stato recentemente in prima pagina dopo aver annunciato di aver aumentato i costi per i suoi clienti giapponesi, con azioni che sono aumentate fino al 3,7% in seguito alla notizia. I prezzi sono stati aumentati di circa il 13% per i livelli base e standard nel febbraio 2021, sebbene le tariffe del piano premium siano rimaste le stesse. Così quanto costa Netflix in Giappone? Continuate a leggere per scoprirlo.

Recenti aumenti dei prezzi

A partire da febbraio 2021, ora agli spettatori in Giappone costa ¥ 990 (la valuta è lo yen) per accedere al servizio Netflix di base, che è un aumento di ¥ 110. Il livello standard, che è l’opzione più popolare, ora ha un prezzo di ¥ 1.320 da ¥ 1.490. Il piano premium ha ancora un prezzo di ¥ 1.980.

L’Asia è ora la seconda regione in più rapida crescita dell’azienda, con gli ultimi anni che hanno mostrato un aumento sostanziale delle visualizzazioni in Giappone e Corea del Sud. Netflix ha anche investito più soldi in contenuti basati su anime, che sono eccezionalmente popolari tra gli spettatori giapponesi. Netflix ha parzialmente utilizzato i recenti aumenti di prezzo per coprire il costo dei suoi contenuti originali.

Finanziamento dei contenuti originali

Netflix ha rilasciato una dichiarazione che annuncia le variazioni di prezzo, dicendo: “Stiamo aggiornando i nostri prezzi in modo da poter continuare a offrire una maggiore varietà di programmi TV e film, oltre a spettacoli locali come” Alice in Borderland “e il nostro sempre crescente scaletta anime “. Il prezzo delle azioni è salito a £ 559,48 in seguito a questa notizia. Netflix ha parzialmente utilizzato i recenti aumenti di prezzo per coprire il costo dei suoi contenuti originali.

Ulteriore espansione

Netflix ha attirato 37 milioni di nuovi abbonati nel 2020, di cui oltre l’80% proveniva da fuori dal Nord America. Questo era un numero maggiore del numero di abbonati che il suo rivale Hulu aveva in totale entro la fine dell’anno. Ha ancora il maggior numero di abbonati a qualsiasi servizio di streaming video, con almeno 50 milioni di persone in più che utilizzano Netflix rispetto ad Amazon Prime in tutto il mondo. Circa 73 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno un abbonamento Netflix, anche se si stima che circa il 41% dei suoi utenti acceda al servizio senza pagare. Ciò è in gran parte dovuto alla condivisione di password e account.

Quando è stato lanciato Netflix per la prima volta?

Molte persone ritengono che l’azienda sia stata fondata ad un certo punto negli ultimi 15 anni. Tuttavia, è stato fondato per la prima volta nel 1997 e il suo sito è stato lanciato un anno dopo. Netflix in realtà è iniziato come un servizio di DVD-by-mail, ma utilizzando big data e analisi hanno finito per fornire consigli sui media ai propri utenti nel 2000. Nel 2004, aveva 4 milioni di abbonati e ha iniziato a offrire streaming video online nel 2007.

L’evoluzione di Netflix

Netflix ha iniziato a essere disponibile al di fuori dei browser Web nel 2008, consentendo agli utenti di accedere allo streaming video su set-top box, Xbox, lettori Blu-Ray e altro ancora. È diventato disponibile per la prima volta al di fuori degli Stati Uniti nel 2010, quando è stato lanciato in Canada. È arrivato in Europa nel 2012 ed è stato lanciato in Australia, Nuova Zelanda e Giappone nel 2015.

La società è diventata famosa per i suoi contenuti originali, con le prime produzioni interne tra cui Orange Is The New Black e House of Cards. Molti dei suoi spettacoli originali hanno ricevuto premi di alto profilo, incluso il suo primo Oscar nel 2017.

Netflix e i blocchi geografici

Una volta diventato comune per le persone accedere ai contenuti Netflix caricati per gli spettatori in diverse regioni del mondo, Netflix ha iniziato a reprimere l’uso della VPN. Se Netflix ora rileva che una VPN è in uso, continuerà a mostrare solo i contenuti legalmente disponibili in quel territorio. Tuttavia, si dice che non tutte le VPN ne siano state influenzate.

Netflix è diventato ancora più popolare negli ultimi anni, raggiungendo sempre più località nel mondo. I suoi concorrenti stanno mostrando meno segni di eclissare questa gigantesca società di media, nonostante i loro migliori sforzi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *