in

Lotta tra gli uomini più ricchi del mondo, Musk e Bezos, ecco i dettagli

Al momento stiamo assistendo a una lotta tra gli uomini più ricchi del mondo, Musk e Bezos. SpaceX di proprietà del miliardario, Elon Musk, ha chiesto alla Federal Communications Commission di far funzionare i satelliti per comunicazioni Starlink a un’orbita inferiore rispetto al primo programma.

Su questa autorizzazione, Amazon.com Inc. di Jeff Bezos afferma che questo piano minaccerebbe interferenze e collisioni con i suoi satelliti Kuiper, che, simili a Starlink, sono sviluppati per trasmettere servizi Internet dallo spazio.

Un conflitto che di solito si limita a documenti amministrativi si sta riversando nell’opinione pubblica in un battibecco che mette in mostra le alte personalità associate mentre i miliardari inseguono i sogni nel cielo.

Martedì, Amazon ha pubblicato un tweet dal suo account di notizie ufficiale,

“Sono le modifiche proposte da SpaceX che ostacolerebbero la concorrenza tra i sistemi satellitari. È chiaramente nell’interesse di SpaceX soffocare la concorrenza nella culla, se possibile, ma non è certamente nell’interesse del pubblico.”

Secondo i dati seguiti da Bloomberg, l’annuncio ha fatto seguito a un tweet del miliardario Elon Musk, la persona più ricca.

Musk ha dichiarato in una risposta twittata alla copertura del giornalista della CNBC Michael Sheetz,

“Oggi non serve al pubblico il tendine del ginocchio Starlink per un sistema satellitare Amazon che è nella migliore delle ipotesi diversi anni di distanza dal funzionamento”.

Space Exploration Technologies Corp, di proprietà della persona più ricca al mondo, Elon Musk, ha rilasciato più di 1000 satelliti per il suo servizio Internet Starlink e sta ottenendo la registrazione per i suoi consumatori iniziali nel Regno Unito, Canada e Stati Uniti. L’anno scorso, Amazon ha ottenuto l’autorizzazione FCC per una flotta di 3.236 satelliti, tuttavia, non l’ha ancora lanciata.

Inoltre, Amazon aveva precedentemente chiesto alla FCC di rifiutare la domanda di SpaceX per orbite inferiori. Ha affermato che la mossa avrebbe localizzato i satelliti SpaceX nel mezzo delle orbite del sistema Kuiper, secondo i documenti della società.

SpaceX di Elon Musk respinge le chiamate alla FCC e afferma che i suoi programmi non migliorerebbero le interfacce per quelli che chiamava i “piani ancora nascenti” di Amazon.

Un’orbita inferiore fornisce un servizio Internet più reattivo poiché il segnale non viaggia a tal punto. SpaceX ha affermato che tenere i satelliti più vicini alla Terra riduce la possibilità che i detriti spaziali cadano dall’orbita più prontamente rispetto ai veicoli spaziali più alti.

SpaceX intende infine servire circa 12.000 satelliti e dispone dell’autorizzazione FCC per circa 4.400 uccelli, come 1.584 a 550 chilometri, dove attualmente orbitano i suoi satelliti. L’organizzazione chiede l’approvazione per installare altri 2.824 satelliti alla stessa altitudine stimata invece di raddoppiarla rispetto a quanto dichiarato in precedenza.

Di Todd Shields

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *