in

L’FBI arresta 6 membri Keene gratuiti che gestiscono uno scambio di criptovaluta – Bitcoin News

Sei persone coinvolte nel movimento Free Keene sono state arrestate e accusate di aver gestito un’attività illegale di scambio di criptovalute. “Gestivano la loro attività di cambio di valuta virtuale utilizzando siti Web, oltre a gestire bancomat con valuta virtuale nel New Hampshire”, ha affermato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ).

FBI Raid Proprietà e accuse 6 persone

Il DOJ ha annunciato questa settimana di aver accusato sei residenti del New Hampshire di crimini relativi a un’attività di scambio di criptovaluta. Martedì il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha fatto irruzione in diverse proprietà Keene associate a membri del movimento liberty Free Keene e ha arrestato i sei imputati.

Gli individui accusati sono Ian Freeman (ex Ian Bernard), 40 anni, di Keene; Colleen Fordham, 60 anni, di Alstead; Renee Spinella, 23 anni, di Derry; Andrew Spinella, 35 anni, di Derry; Nessuno (ex Richard Paul), 52 anni, di Keene; e Aria DiMezzo (ex James Baker), 34 anni, di Keene. DiMezzo è l’auto-definito “anarchico satanista transessuale” che è stato candidato repubblicano per lo sceriffo della contea di Cheshire nel 2020. Sia Freeman che Nobody si sono candidati per il governatore.

Freeman secondo quanto riferito aveva avuto accesso a $ 1,66 milioni di bitcoin e aveva $ 178.000 in contanti nella sua cassaforte quando la sua casa è stata perquisita dall’FBI, hanno detto i pubblici ministeri venerdì, aggiungendo che ha anche accesso a oro, argento e possibilmente altri beni liquidi e criptovalute.

L’atto di accusa precisa che dal 2016:

Gli imputati hanno gestito un’attività che ha consentito ai clienti di scambiare oltre dieci milioni di dollari in valuta fiat con valuta virtuale, addebitando una commissione per il loro servizio. Gestivano la loro attività di cambio di valuta virtuale utilizzando siti Web e gestivano bancomat con valuta virtuale nel New Hampshire.

Il Free Keene Project si descrive come “la destinazione dell’attivismo per la libertà del New Hampshire”. Sostenitori di lunga data della criptovaluta, nel 2018 il gruppo ha lanciato un’ambasciata Bitcoin a Keene.

L’accusa inoltre “afferma che gli imputati gestivano consapevolmente l’attività di scambio di criptovalute in violazione delle leggi e dei regolamenti federali antiriciclaggio”, osservando che “alcuni imputati hanno aperto conti bancari a nome di presunte entità religiose”. Includono la Shire Free Church, la Crypto Church di NH, la Church of the Invisible Hand e la Reformed Satanic Church.

Secondo il DOJ, “alcuni imputati si sono poi impegnati in sforzi sostanziali per eludere il rilevamento del loro schema di cambio di valuta virtuale illegale evitando di rispondere alle domande delle istituzioni finanziarie sulla natura dell’attività e inducendo le istituzioni finanziarie a credere che la loro attività di cambio di valuta virtuale illegale fosse invece un’organizzazione religiosa che riceve contributi di beneficenza “.

Il procuratore in carica degli Stati Uniti John J. Farley ha spiegato che tutte e sei le persone sono state incriminate “e accusate di aver partecipato a una cospirazione per gestire un’attività di trasmissione di denaro senza licenza e altri reati”. Freeman e DiMezzo sono inoltre incaricati di gestire un’attività di trasmissione di denaro senza licenza.

Inoltre, Freeman, Fordham, Renee Spinella, Andrew Spinella e Nobody sono accusati di frode telematica e di aver partecipato a una cospirazione per commettere frode telematica. Freeman è inoltre accusato di riciclaggio di denaro e di gestione di un’impresa di crimini finanziari continuativi.

Cosa ne pensi di questo caso? Fateci sapere nella sezione commenti qui sotto.

Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o approvazione di prodotti, servizi o società. Bitcoin.com non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscale, legale o contabile. Né la società né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per eventuali danni o perdite causati o presumibilmente causati da o in connessione con l’uso o l’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *