in

La SEC afferma che i documenti Bitcoin ed Ether non sono rilevanti per il caso Ripple

Alex Dovbnya

La SEC ha chiesto al giudice di non ordinare la produzione dei documenti Bitcoin ed Ethereum richiesti da Ripple

Contenuti

  • La SEC si impegna a produrre documenti su XRP
  • I confronti di Bitcoin non voleranno

In un lettera scritta di recente, Dugan Bliss, consulente senior presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, sta chiedendo al Magistrate Judge Sarah Netburn di non obbligare l’agenzia a produrre documenti relativi a Bitcoin ed Ethereum:

Tale scoperta è inappropriata e dovrebbe essere negata, poiché almeno un tribunale distrettuale in questo distretto si è già tenuto in circostanze indistinguibili in un caso di risorse digitali.

La SEC scrive che tale richiesta è “sproporzionata” e “fuori bordo”.

La SEC si impegna a produrre documenti su XRP

Come riportato da U.Today, Ripple ha presentato una lettera preliminare per forzare la produzione dei suddetti documenti, affermando che XRP stava trattenendo “prove potenzialmente a discarico”.

La SEC spiega che ha effettivamente accettato di rivelare le sue comunicazioni e-mail su Ripple e XRP con scambi e documenti da altri casi che menzionano il token anche se non sono rilevanti “per qualsiasi reclamo o difesa”:

Questi documenti relativi a XRP e Ripple – comunicazioni e-mail tra il personale senior pertinente presso la SEC e terze parti, nonché produzioni di terze parti in altri casi di risorse digitali – non sono rilevanti per alcuna rivendicazione o difesa, ma la SEC ha concordato per fornire loro per raggiungere un compromesso.

Tuttavia, questo non è stato sufficiente per raggiungere un compromesso con Ripple e la società blockchain si è quindi trasferita per presentare la suddetta lettera pre-motion.

I confronti di Bitcoin non voleranno

Anche se gli avvocati di Ripple stanno costantemente cercando di convincere il tribunale che XRP non è diverso da Bitcoin ed Ether, la SEC sostiene che le stesse dichiarazioni degli imputati rendono ovvio che queste risorse digitali sono diverse quando si tratta di leggi sui titoli:

In breve, come chiariscono i casi, semplicemente invocare confronti con Bitcoin ed Ether (o etichettare una risorsa digitale come una valuta) non è una difesa conoscibile. La scoperta relativa a Bitcoin ed Ether può quindi non avere alcuna relazione con i problemi in questo caso o almeno non è proporzionale alle esigenze del caso, come ha recentemente affermato il giudice Hellerstein in un caso di asset digitali della SEC.

Inoltre, la SEC sottolinea che sia Telegram che Kik stavano cercando di sostenere che i loro rispettivi gettoni dovevano funzionare come una valuta, ma i loro argomenti sono stati respinti dai tribunali:

Applicando tale legge, i tribunali hanno uniformemente respinto le argomentazioni secondo cui una risorsa digitale non è una sicurezza perché assomiglia a Bitcoin o Ether o ha etichettato una valuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *