in

La Cina introduce lo yuan digitale che sostituirà lo yuan di carta con la valuta digitale

La maggior parte di noi paga servizi e beni tramite servizi digitali come Skrill e PayPal. Ma ciò non significa che stiamo usando la valuta digitale per questo. Tuttavia, il governo cinese sta valutando la possibilità di sostituire la forma fisica del suo yuan con la valuta digitale, lo yuan digitale.

Lo yuan digitale è chiaro e semplice rispetto a Ethereum, Bitcoin e altre criptovalute. Si basa su un file sistema centralizzato sotto il controllo della Banca popolare cinese. Lo yuan digitale non promuove un sistema decentralizzato e anonimo. L’amministrazione cinese può tracciare ogni transito di yuan digitali, consentendole di vedere come le persone utilizzano la valuta.

La funzione dello yuan digitale è proprio simile ad altri sistemi di pagamento virtuali. Gli utenti opereranno tramite un’app o una scheda e non avranno bisogno di connettività online. Finora più di 100.000 utenti hanno scaricato l’app digitale in yuan.

Inoltre, piccole quantità di yuan digitali vengono date ai primi utenti per testarlo, il che consente loro di spendere per fornitori come McDonald’s e Starbucks.

Sembra che lo yuan digitale sostituirà presto lo yuan di carta. Verrà cancellato uno yuan fisico per rilasciare ogni yuan digitale, impedendo l’introduzione di più denaro in circolazione.

L’amministrazione cinese vuole anche allargare la sua nuova valuta digitale ad altri paesi, fornendo pagamenti internazionali più economici e veloci per consumatori e imprese. La People’s Bank of China stava preparando lo yuan digitale dal 2014, quando un Bitcoin era valutato a meno di $ 1.000.

Attualmente, più di 60 paesi stanno cercando di introdurre la loro valuta digitale. La Svezia, ad esempio, ha già testato l’uso di una corona digitale. Le Bahamas hanno anche lanciato una valuta digitale denominata Sand Dollar, disponibile al pubblico.

Per quanto riguarda il dollaro USA digitale, la segretaria al Tesoro Janet Yellen dice, “Ha senso che le banche centrali lo guardino”. Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha anche commentato “è un progetto prioritario per noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *