in

Kraken potrebbe scegliere l’IPO invece della quotazione diretta dopo il debutto traballante di Coinbase, spiega il CEO

Kraken sta rivalutando i suoi piani su come diventare pubblico il prossimo anno dopo la performance non impressionante di Coinbase, ha affermato il CEO dell’exchange, Jesse Powell. Invece di prendere il metodo del suo concorrente di una quotazione diretta, Kraken potrebbe seguire la strada dell’offerta pubblica iniziale.

Kraken ripensa ai piani pubblici

Il più grande exchange di criptovalute statunitense – Coinbase – ha fatto notizia a metà aprile quando è diventata una società quotata in borsa dopo essere stata quotata direttamente al Nasdaq. La mossa, percepita da molti come un evento rivoluzionario per l’intero settore, ha attirato l’attenzione anche di altri poiché diverse aziende hanno delineato piani simili.

Tra queste aziende c’era in realtà uno dei rivali di Coinbase: Kraken. Il CEO dell’exchange di dieci anni, Jesse Powell, ha detto due mesi fa, “guardando di poter diventare pubblico l’anno prossimo”.

È interessante notare che Kraken ha anche pianificato di imitare l’approccio di Coinbase tramite un elenco diretto. Tuttavia, sembra che i primi mesi poco convincenti di Coinbase, in cui le azioni COIN sono scese di quasi il 40% dal loro picco, potrebbero aver cambiato le intenzioni di Kraken.

Durante un recente colloquio con Fortune, Powell ha notato che lo scambio veterano potrebbe mettere i piani di quotazione diretta sullo scaffale mentre si concentrava su un’offerta pubblica iniziale.

“Un’IPO sembra un po’ più attraente alla luce della performance della quotazione diretta. Direi che lo stiamo esaminando più seriamente ora, avendo il vantaggio di vedere come si è svolta l’offerta pubblica diretta per Coinbase.

Jesse Powell. Fonte: Medio

Se Kraken dovesse effettivamente procedere con l’approccio IPO più tradizionale, la mossa potrebbe sollevare preoccupazioni all’interno della comunità delle criptovalute. L’IPO richiede intermediari, che sono in genere banche giganti di Wall Street. Lo stesso Powell in precedenza aveva affermato che il DPO risuona meglio con la natura decentralizzata dell’industria delle criptovalute.

Wall Street non riesce a capire le criptovalute

Powell ha inoltre affermato che la maggior parte dei giganti di Wall Street non è ancora in grado di comprendere appieno il pieno potenziale dello spazio delle criptovalute. In effetti, crede che la maggioranza abbia mostrato un approccio un po’ obsoleto e non sia riuscito a individuare opportunità promettenti anche in passato.

Alla domanda su quale sia il fraintendimento di Wall Street riguardo al settore, ha spiegato:

“Penso che sia la stessa cosa che alla Street mancava di Amazon 20 anni fa e quello che manca di Tesla ora. Penso che siano così legati al modo tradizionale di fare le cose.

Wall Street in particolare, e questo sono i servizi finanziari, e penso che ci siano molti giocatori che hanno molto da perdere dal successo di questo spazio. Penso che potresti vedere persone affrontare questa dissonanza cognitiva di diventare sempre più consapevoli del destino imminente del sistema finanziario legacy”. – ha concluso.

OFFERTA SPECIALE (Sponsorizzata)

Binance Futures 50 USDT FREE Voucher: usa questo link per registrarti e ottenere uno sconto del 10% sulle commissioni e 50 USDT quando fai trading di 500 USDT (offerta limitata).

Offerta speciale PrimeXBT: usa questo link per registrarti e inserire il codice POTATO50 per ottenere il 50% di bonus gratuito su qualsiasi deposito fino a 1 BTC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *