in

Indy 500 presenterà un’auto sponsorizzata da Bitcoin nel tentativo di diffondere l’adozione

La 105a edizione dell’Indianapolis 500 sarà caratterizzata da un’auto sponsorizzata da Bitcoin. Ed Carpenter Racing avrà una Chevrolet BTC completamente progettata e numerata 21.

La popolare serie americana NTT IndyCar presenterà la famosa criptovaluta nel grande evento di domenica. La gara automobilistica annuale che si tiene all’Indianapolis Motor Speedway vedrà le auto correre 200 giri per rivendicare il titolo di vincitore della Indy 500.

Ed Carpenter Racing (ECR) aveva annunciato questa settimana che la loro Chevrolet numero ventuno sarà guidata da Rinnus VeeKay e sarà sponsorizzata dalla popolare criptovaluta.

L’auto da corsa sarà dettagliata nel famoso logo BTC. Il logo BTC non è soggetto a nessuna legge sul copyright, quindi il team ha libertà di progettare l’auto come desidera.

L’auto è stata anche numerata come 21 per indicare la fornitura totale di BTC, pari a 21 milioni.

Fonte: Twitter

Parlando con Autoweek, il proprietario del team Ed Carpenter ha parlato dell’idea, dicendo: “L’intero movimento è sorprendente. Credo davvero che sia il futuro di molto di come sarà il nostro sistema finanziario. Può esserci ancora molta volatilità, ma l’intera premessa e il modo in cui è costruita—ci sono così tanti aspetti positivi che la rendono così preziosa a lungo termine”.

In corsa per l’adozione

Carpenter spera di poter eventualmente pagare i fornitori di servizi in BTC, ammettendo che attualmente non è un’opzione praticabile, “ma vedo un futuro in cui cambierà, e se posso essere sulla punta della lancia, è un progetto divertente e che sta anche facendo cose storiche anche per la comunità Bitcoin”, ha affermato.

Educare le masse

Carpenter ammette di essere un fan accanito di bitcoin e l’idea alla base della sponsorizzazione di un’auto BTC consentirà la diffusione dell’adozione e della consapevolezza intorno alla criptovaluta. Carpenter spiega “Si tratta di educare, sia che si tratti di fan delle gare o di persone che forse ne hanno paura o non lo capiscono”.

Il proprietario del team sta cercando di rimuovere lo stigma che circonda l’asset digitale, spiegando che le persone non capiscono come funziona la crittografia. “Stiamo cercando di contribuire a colmare questa lacuna”, spiega Carpenter.

Il fondatore di Strike, Jack Mallers, che ha aiutato a sponsorizzare l’auto da corsa Bitcoin, spiega che Carpenter “sta correndo per la libertà umana, l’alfabetizzazione finanziaria, l’inclusione finanziaria e sta usando la piattaforma che ha guadagnato nel corso della sua carriera per promuovere il messaggio più potente possibile per spingere l’umanità inoltrare. Siamo estremamente orgogliosi di sostenere i suoi sforzi “.

La Indy 500 inizia alle 12:45 EST di domenica. Con Rinus VeeKay e l’auto Bitcoin al terzo posto in griglia.

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito Web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore sulle informazioni trovate sul nostro sito Web è strettamente a proprio rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *