in

Incontra i progetti che sbloccano mercati illiquidi

Quando si tratta di investimenti, la liquidità è una parte importante dell’equazione. Dopotutto, un mercato liquido significa che puoi facilmente entrare e uscire da un mercato senza subire uno slippage eccessivo.

Tuttavia, ci sono un certo numero di classi di attività che generalmente offrono una gamma di opportunità di investimento incredibilmente redditizie, ma attualmente soffrono di scarsa liquidità complessiva o sono semplicemente difficili da entrare e uscire.

Ora, grazie all’avvento della tecnologia blockchain e ad alcune piattaforme innovative, queste opportunità non sfruttate stanno diventando sempre più accessibili. Qui, diamo uno sguardo a tre progetti che utilizzano la tecnologia blockchain per sbloccare il potenziale nascosto dei mercati illiquidi.

Liquidify

Le attività a coda lunga sono una classe di investimento relativamente non sfruttata e sono in genere sfruttate solo da quelle poche che possono individuare e trarre vantaggio da prodotti di nicchia con bassa capitalizzazione di mercato e liquidità.

Fino a poco tempo, investire in molti asset a coda lunga era un affare impegnativo ed era in gran parte dominio di investitori a lungo termine che spesso dovevano fare affidamento su intermediari per negoziare un accordo con un acquirente in un secondo momento.

Questo è esattamente il problema Liquidify cerca di affrontare con la sua piattaforma basata su blockchain che cerca di accelerare la liquidità degli asset a coda lunga consentendo agli utenti di scambiarli facilmente sulla blockchain attraverso un sistema di pooling di asset unico, noto come acceleratore di liquidità.

Ottiene questo risultato grazie a una combinazione unica di due gettoni utilità. Si tratta di LAT, un token che può essere utilizzato per collateralizzare asset crittografici a coda lunga in un processo reversibile, e LFY, il token utilizzato per la governance del protocollo, inclusi il whitelisting e il rating degli asset.

La piattaforma fornisce un semplice canale di ingresso per gli investitori per ottenere esposizione a una gamma di attività a coda lunga in cui in precedenza sarebbe stato impossibile investire o impraticabili a causa di problemi con la determinazione del prezzo equo.

La versione 1.0 della piattaforma Liquidify è prevista per il lancio ad aprile e porterà con sé la sintesi del collaterale, consentendo agli utenti di caricare i propri asset a coda lunga in un pool di liquidità. Questi vengono quindi convertiti in una serie di LAT e LFY, che possono essere utilizzati in tutto l’ecosistema Liquidify.

LABS

Immobiliare e blockchain sono una combinazione improbabile, ma se fatti bene, il risultato è sorprendentemente efficace.

In questo momento, investire nel settore immobiliare può essere un compito impegnativo. Non solo c’è un’alta barriera all’ingresso a causa del semplice costo di molte proprietà, ma ci sono anche restrizioni geografiche e innumerevoli intermediari con cui trattare, mentre liquidare rapidamente un investimento immobiliare è in genere irrealizzabile senza subire gravi danni.

Ma LABS, una piattaforma che utilizza la tecnologia blockchain per collegare i mondi del settore immobiliare e della DeFi, potrebbe essere la prima a risolvere questi problemi. Lo fa consentendo la tokenizzazione e il frazionamento degli investimenti immobiliari. Chiunque acquisti e detenga questi token sarà l’equivalente di un proprietario frazionato nell’immobile sottostante.

Ciò non solo sblocca la liquidità degli asset immobiliari potenzialmente illiquidi rendendoli più accessibili all’investitore quotidiano, ma rende anche la costruzione di un portafoglio immobiliare internazionale molto più accessibile, poiché gli investitori possono evitare i tecnicismi che derivano dalla protezione della proprietà in altri paesi .

I token di sicurezza creati attraverso il processo di frazionamento saranno negoziabili su una borsa valori completamente autorizzata e anche sulla piattaforma di swap in-platform LABS, assicurando che i titolari possano sempre procurarsi liquidità per le loro azioni immobiliari.

NFT Tech

La popolarità dei token non fungibili (NFT) è cresciuta enormemente negli ultimi mesi, quando è diventata evidente una vasta gamma di nuovi casi d’uso, inclusi gli NFT che rappresentano album, creature virtuali, immobili e molto altro. Abbiamo persino assistito alla vendita NFT più costosa di tutti i tempi solo poche settimane fa, con a recente Beeple NFT vendendo per un fantastico $ 69 milioni.

Ma nonostante l’interesse per le NFT che raggiungono livelli record, soffrono ancora di un problema evidente: la mancanza di liquidità. A differenza delle normali criptovalute che possono cambiare di mano dozzine di volte in un giorno, le NFT generalmente si muovono molto più lentamente e hanno una liquidità limitata. Ma questo potrebbe non essere il caso per molto più tempo se NFT Tech ha la sua strada.

Sebbene NFT Tech cerchi di aiutare gli utenti a creare token non fungibili (NFT) e visualizzare il loro portafoglio NFT, ha diverse caratteristiche interessanti che potrebbero aiutare a incrementare seriamente la liquidità dei mercati NFT. Il primo di questi è il suo sistema di valutazione automatico, che assegna un valore alle NFT per abilitare l’arbitraggio NFT automatico.

Ma forse più importante è il suo potente scambio NFT basato su order book, che consente agli utenti di fare offerte e chiedere ordini per NFT, aiutando gli investitori ad acquistare e vendere facilmente opere d’arte tokenizzate e altri NFT sul suo mercato.

La piattaforma offre anche incentivi per i fornitori di liquidità che possono evadere ordini tra più mercati NFT, aumentando ulteriormente la liquidità delle NFT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *