in

In che modo la bassa offerta di Ethereum sugli scambi potrebbe far aumentare il suo prezzo

La società di ricerca Santiment ha stabilito che il raggio di offerta di Ethereum sulle piattaforme di scambio è al minimo di 28 mesi. Con il 20,1% di ETH nelle sue riserve, l’ultima volta che la metrica è stata a livelli simili è stata nel novembre 2018.

Fonte: Santiment

Sopra c’è uno sguardo alla relazione tra l’aumento dell’offerta di Ethereum sulle borse e le fluttuazioni del suo prezzo. Il rally di ETH negli ultimi mesi corrisponde a un calo sostenuto di questa metrica.

Ethereum viene scambiato a $ 1,808 con una performance ribassista nel grafico a 24 ore. Tuttavia, nell’ultima ora ETH mostra un trend rialzista con guadagni dello 0,3%, dopo una settimana di performance negativa. Se la criptovaluta riesce a rimanere al di sopra del livello attuale, potrebbe guadagnare più slancio e inseguire la resistenza a 1.850 $.

Ethereum supera i 1.800 $. Fonte: ETHUSD Tradingview

Da dove viene la domanda di Ethereum?

Due settori stanno attualmente assorbendo una parte importante dell’offerta di ETH. I dati da DeFi Pulse registrano 9,4 milioni di ETH bloccati nei protocolli DeFi. Dopo aver registrato un calo alla fine di febbraio, gli afflussi di ETH nei protocolli di finanza decentralizzata hanno assorbito 1,5 milioni di ETH dall’8 marzo.

Questa tendenza continua e non mostra segni di indebolimento, poiché sempre più utenti si uniscono al settore per profitti o per partecipare alla mania del Non-Fungible Token (NFT).

Ethereum ETH
Fonte: DeFi Pulse

MakerDAO, Compound e Sushiswap detengono la maggior quantità di ETH con 3 milioni e 1,4 milioni ciascuno, rispettivamente. Seguono Uniswap, Aave, Alpha Homora e Balancer, ma solo l’exchange decentralizzato (DEX) detiene oltre 1 milione di ETH.

D’altra parte, anche il contratto di deposito di Ethereum 2.0 ha assorbito molta offerta di ETH. Al momento, detiene 3.559.362 ETH con un valore stimato di $ 6 miliardi. Secondo ad Arcane Research, è arrivata una maggiore richiesta istituzionale per ETH dalla fine del 2020:

il costante aumento dei prestiti all’ETH in essere. Dopo aver chiuso il primo trimestre al 5,5%, la quota dei prestiti ETH in essere è cresciuta del 177% nei successivi tre trimestri, chiudendo l’anno al 15,5%. Naturalmente, parte di questa crescita è attribuibile all’inflazione dei prezzi di ETH.

La domanda sostenuta di ETH potrebbe avere un impatto positivo sul suo prezzo e consentire al rally di continuare fino al 2021. Secondo ETH Gas Station, le commissioni di transazione sulla blockchain sono di nuovo a livelli record con 161 Gwei per il più economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *