in

In che modo il nuovo CEO di Qualcomm prende l’acquisto da parte di Nvidia di Arm e carenza di chip

Nei 36 anni di storia di Qualcomm, il presidente brasiliano Cristiano Amon diventerà il quarto amministratore delegato di Qualcomm a giugno. Recentemente, in un’intervista con CNET, Amon ha discusso lo stato del settore, la carenza di chip e l’acquisizione di Arm da parte di Nvidia.

Non ha coperto la solennità dei problemi causati dalla carenza di chip. “Se mi chiedessi, ‘cosa mi tiene sveglio la notte?’ proprio adesso [it] è questa crisi della catena di approvvigionamento che stiamo attraversando nel settore dei semiconduttori “, ha affermato Amon.

Samsung e TSMC sono i principali produttori che costruiscono chip per Qualcomm. Inoltre impartisce le proprie versioni. Samsung sta ancora lavorando per portare i suoi stabilimenti in Texas e Austin sulla buona strada per quanto riguarda la produzione dopo la chiusura a causa di eventi meteorologici estremi. L’unità costruisce chip per la propria divisione LSI, per Qualcomm e Tesla.

“Siamo molto bravi a progettare chip e siamo molto bravi a implementare tecnologie per un ritmo molto rapido di innovazione … La produzione di semiconduttori è un’esperienza completamente diversa”, ha detto Amon alla domanda se Qualcomm realizzasse i propri fab per formano lo Snapdragon SoC.

Tutti noi sappiamo che ogni cosa, dall’industria automobilistica alle console di gioco e all’hardware del PC, ha risentito della scarsità mondiale di chip. Secondo i rapporti, la carenza potrebbe durare fino al 2022, ma Amon sembra più positivo.

“Andrà meglio con la fine del 2021, ma l’importanza di questo è richiamare l’attenzione e assicurarci di avere … [a] vengono effettuati solidi investimenti e una catena di fornitura… attraverso molte tecnologie ”, aggiunge.

Ha anche sottolineato l’importanza dell’indipendenza di Arm. Qualcomm tra molte aziende si è opposta all’acquisto da 40 miliardi di dollari del progettista di chip del Regno Unito da parte di Nvidia. Ha incitato gli organi di controllo a esaminare da vicino gli effetti di monopolizzazione dell’accordo. La società è ansiosa che Nvidia possa rimanere parte integrante della produzione di Arm.

Amon ha affermato che la fermezza del programma di lavoro del braccio è la sua indipendenza. Nvidia non ha bisogno di acquistare Arm per fare ciò che ha dichiarato di voler fare.

Per competere con l’x86 di Intel, Nvidia non richiede l’architettura Arm. “Gli ecosistemi di Arm prosperano … e creano un’incredibile concorrenza a livello globale perché sono indipendenti”, ha affermato Amon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *