in

Il CEO di Shopify chiede a Twitter un consiglio sul ruolo DeFi dell’azienda

Il CEO della piattaforma di vendita al dettaglio online Shopify ha chiesto a DeFi Twitter idee sul ruolo di Shopify nello spazio DeFi.

Consulenza DeFi Twitter

Il CEO di Shopify Tobi Lutke ha preso Twitter per consultare la comunità della finanza decentralizzata (DeFi) sul potenziale ruolo di Shopify nello spazio.

Nel twittare, Lutke ha chiesto quali sono le opportunità relative al commercio per lo spazio DeFi di cui la comunità finanziaria decentralizzata è più entusiasta, così come ha chiesto suggerimenti per il ruolo stesso di Shopify.

Le domande hanno attirato una serie di risposte, inclusa una richiesta di supportare i pagamenti Lightning in bitcoin (BTC), nonché l’integrazione di stablecoin per i pagamenti basati su Shopify.

Sono state inoltre presentate diverse proposte di partnership con i principali progetti DeFi, tra cui Compound Finance (COMP) e Aave (AAVE).

Tuttavia, Shopify non ha convinto tutti gli intervistati della loro serietà. L’utente di Twitter, Paul Everton, ha affermato che lo spazio DeFi potrebbe non essere “rilevante” per le aziende che operano nel “mondo reale” come Shopify, citando commissioni di transazione elevate.

Gli appassionati di DeFi hanno rapidamente sottolineato che questo era vero solo se si ignoravano le soluzioni di livello due e che la maggior parte erano in realtà molto più economiche del 99,9% delle transazioni di Shopify.

Il sigillo di approvazione

In ogni caso, la riflessione di Shopify su un ruolo futuro non solo nello spazio delle criptovalute, ma nello spazio DeFi è un’approvazione dello spazio da parte di una grande azienda nel mondo della vendita al dettaglio online.

La piattaforma di vendita al dettaglio integrata BitPay e Coinbase Il commercio lo scorso anno per consentire ai suoi commercianti di iniziare ad accettare diverse criptovalute come pagamento.

Shopify anche si è unito alla Libra Association guidata da Facebook l’anno scorso, nonostante una serie di passi indietro di alto profilo per l’associazione. Facebook ha rivelato Libra nel 2019 come il suo tentativo di utilizzare la tecnologia basata su blockchain per servire i diseredati.

Ha attirato un feroce confronto da parte dei governi e delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo, poiché hanno sollevato preoccupazioni in merito alla potenziale influenza dell’azienda sul sistema finanziario globale. In effetti, la comunità internazionale ha istituito una task force, guidata dai paesi del G7, in risposta diretta.

Il nuovo normale

Tuttavia, l’interesse per le criptovalute da parte dei giganti del settore sta crescendo a un ritmo rapido. PayPal ha recentemente rivelato una soluzione di pagamento in criptovaluta per il suo servizio di checkout.

La soluzione denominata “Checkout with Crypto” consentirà agli utenti di pagare con bitcoin (BTC), ethereum (ETH), bitcoin cash (BCH) e litecoin (LTC). Ciò avviene dopo che il gigante dei pagamenti ha abilitato il trading di criptovalute sulla sua piattaforma verso la fine dell’anno scorso. Ciò ha portato gli utenti PayPal a scambiare criptovalute per un valore di oltre $ 242 milioni in sole 24 ore.

In effetti, i concorrenti di PayPal come Visa, Mastercard e Circle stanno ora integrando soluzioni di pagamento in criptovaluta in una tendenza che sta diventando la nuova normalità.

Disclaimer

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo di informazione generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore sulle informazioni trovate sul nostro sito Web è rigorosamente a proprio rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *