in

Il CEO di MicroStrategy spera che i suoi messaggi a Musk abbiano spinto Tesla ad acquisire Bitcoin

Yuri molchan

Michael Saylor ritiene che il suo dialogo su Twitter con Elon Musk sia stato il motivo per cui Tesla si è avventurato in Bitcoin, aggiungendolo al bilancio

Secondo il New York Post, il capo di MicroStrategy, uno sviluppatore di software aziendale leader, Michael Saylor, i suoi tweet a Elon Musk potrebbero aver spinto Tesla ad aggiungere Bitcoin alle sue riserve.

MicroStrategy stessa è un detentore di Bitcoin che mantiene 91.326 Bitcoin (circa $ 5,256,277,062) come copertura contro l’inflazione, dopo aver acquistato di recente un’altra porzione BTC di 262 monete.

Breve dialogo su Twitter tra Saylor e Musk

Come spiegato da U.Oggi in precedenza, a dicembre Saylor si è rivolto a Elon Musk con un tweet suggerendo che stava convertendo il bilancio di Tesla da USD a Bitcoin.

Dopo aver risposto alla domanda di Musk sulla possibilità di transazioni così grandi, Saylor si è offerto di condividere il suo portafoglio ordini con il CEO di Tesla offline: “da uno scienziato missilistico all’altro”.

Saylor si è laureato al MIT, dove ha studiato aeronautica, il che lo rende anche uno scienziato missilistico.

“Sì,” il tweet di Saylor a Musk ha spinto Tesla verso Bitcoin

Il New York Post cita l’intervista di Saylor con la rivista Time, in cui ha detto “sì” in risposta al fatto che pensava che il tweet potesse aver influito sulla decisione di Musk di far avventurare Tesla in Bitcoin.

Tuttavia, non ha specificato se aveva incontrato Musk offline o meno.

Tesla ha acquistato Bitcoin, seguendo le orme di MicroStrategy a febbraio. In precedenza, Elon Musk ha brevemente taggato Bitcoin nella sua linea bio di Twitter, spingendo BTC dal livello di $ 32.000 a $ 38.600.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *