in

Il brevetto Sony descrive un’intelligenza artificiale che ti serve giocando

I progressi nell’intelligenza artificiale sono così rapidi che ora c’è un aumento delle preoccupazioni al riguardo. Sebbene un brevetto pubblicato più di recente da Sony non stia potenzialmente minacciando l’umanità, è ancora uno di questi momenti: un’IA che è lì per giocare per te e nel tuo stile unico.

Segmento successivo riporta che il brevetto di Sony copre una tecnologia che addestra un bot nello stile di gioco dell’utente. Evolvendosi dopo aver monitorato le azioni e le decisioni del giocatore, l’IA inizia con una serie di comportamenti di base. Il risultato è un bot che gioca in un modo che è lo stesso della persona che ha addestrato la sua rete neurale.

Sembra strano. Ci si potrebbe chiedere: “qual è il punto?” Chi comprerebbe un gioco solo per far giocare una macchina per loro? Ma esistono alcune applicazioni eccezionali, che ti consentono di allontanarti dalla tastiera o dal controller quando devi andare in bagno e consentire all’IA di prendere il sopravvento. La funzione è fornire supporto nei giochi online che non possono essere messi in pausa. Tuttavia, potrebbe risultare in uno scenario di titoli multiplayer archiviati esclusivamente con bot che si combattono tra loro.

L’intelligenza artificiale può anche avvantaggiare i giocatori con esigenze di accessibilità che richiedono assistenza in determinate sezioni. Forse potrebbe essere messo via il grinding mentre i giocatori fanno anche qualcosa di meno noioso.

Altre parti del brevetto spiegano un gioco che avvisa i giocatori che si sforzano di completare una ripresa in cui potrebbe aiutare, il che suona come una versione di Clippy – molto utile. Nel caso in cui l’IA trovi anche gli obiettivi troppo difficili, può cercare automaticamente aiuto nelle guide online, imitando le azioni di una persona reale.

Bene, proprio come con tutti i brevetti, non è sicuro che questo diventerà reale, e diciamo, se arriva, non aspettarti di poter chiamare presto la tua versione AI per assistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *