in

I membri del Parlamento hanno proposto un disegno di legge del Regno Unito per vietare lo scalping su console e GPU –

Aumento della domanda dei consumatori da parte di chi sta a casa e carenza del componente, a seguito della pandemia derivata sia i prezzi di rivendita delle console che delle GPU raggiungono il massimo. Ci si può permettere di acquistare due console PS5 o XBSX e venderne una per il doppio ha senso, ma è stato portato all’estremo da alcuni. Avviando una mozione, i membri del Parlamento hanno proposto un disegno di legge del Regno Unito per vietare lo scalping della console e della GPU

A dicembre, un Early Day Motion (EDM 1272) è stato presentato da vari membri del parlamento, guidati da Douglas Chapman per vietare o almeno limitare in qualche modo “la rivendita di console di gioco e componenti per computer a prezzi notevolmente superiori al prezzo di vendita consigliato dal produttore. ” La mozione è stata presentata alla Camera dei Comuni, ma la continua pressione degli elettori ha indotto Chapman ad avviare un discorso al Parlamento approvando formalmente un disegno di legge per vietare scalping su console e GPU

A dicembre, Chapman ha presentato EDM 1272 con oltre 26 firme. A partire da lunedì, circa 32 parlamentari di più partiti hanno firmato per sostenerlo. La proposta è stata fatta in risposta alla recente ondata di scalping a seguito del rilascio di console di gioco di nuova generazione. Una volta presentate, le mozioni della prima giornata difficilmente si rialzano per il dibattito. Nel processo, a fattura formale sarebbe il passo successivo del processo.

“Dato che gli esperti del settore informatico ora prevedono che la questione dello scalping crescerà quest’anno su altri importanti beni e servizi, stiamo pensando di presentare un disegno di legge in Parlamento in modo da poter esplorare ulteriormente le opzioni legislative per proteggere i consumatori da questa pratica sleale, “Ha detto Chapman a Wired.

Escludere la rivendita di prodotti potrebbe rivelarsi una pendenza scivolosa in quanto può potenzialmente impedire ai consumatori di vendere articoli usati o indesiderati. Quindi, Chapman si concentra sull’individuazione degli scalper che fanno uso di bot per farlo aggirare code o altre limitazioni di acquisto. Alcuni di questi vendono i sistemi per il doppio del prezzo o anche di più a volte online. Era evidente un gruppo scalping che faceva acquisti anche il tempo prima le vendite dell’articolo sono state avviate.

“Il problema dello scalping è emerso per la prima volta con i componenti che mi contattavano per spiegare la loro frustrazione per non essere in grado di entrare in possesso di alcune console di gioco o componenti del computer prima di Natale”, ha detto Chapman in un’intervista a IGN. “Durante le indagini, abbiamo scoperto ulteriori dettagli sulla pratica senza scrupoli dello” scalping “da parte di bot automatizzati per acquistare all’ingrosso questi prodotti e rivenderli a prezzi gonfiati”.

In un’intervista con IGN, Chapman ha detto: “Il problema dello scalping è emerso per la prima volta con i componenti che mi contattavano per spiegare la loro frustrazione per non essere in grado di entrare in possesso di alcune console di gioco o componenti di computer prima di Natale. Durante le indagini, abbiamo scoperto ulteriori dettagli sulla pratica senza scrupoli dello “scalping” da parte di bot automatizzati per acquistare all’ingrosso questi beni e rivenderli a prezzi gonfiati “.

Tuttavia, non ha detto una parola, quando avrebbe finalmente presentato il disegno di legge al Parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *