in

I legislatori del Nord Dakota introducono un disegno di legge contro gli app store monopolistici

Mentre Epic Games si mette a discutere con Apple in tribunale per le sue politiche “draconiane” sull’App Store, la guerra si sta intensificando su un’altra pagina. Il Senato del North Dakota ha presentato un disegno di legge che assegnerebbe a Epic una vittoria a livello nazionale ND, sembra essere una spinta di sostegno al disordine di Epic.

L’assemblea legislativa di ND ha presentato a conto che potrebbe appiattire la gabbia d’oro di Apple. Senate Bill 2333 presenta per proibire alle marce online di bloccare gli sviluppatori nei loro ecosistemi e utilizzare le loro piattaforme di pagamento. Attualmente, Epic sta combattendo Apple sul ring giudiziario è in questa proposta.

Come il senatore di stato Kyle Davison ha dichiarato a The Bismarck Tribune: “Lo scopo del disegno di legge è di uniformare le condizioni di gioco per gli sviluppatori di app nel Nord Dakota e proteggere i clienti da tariffe monopolistiche devastanti imposte dalle grandi aziende tecnologiche”.

Ritiene che il coinvolgimento imperativo del mercato con una commissione del 30% applicata ai produttori danneggi gli utenti limitando le opzioni e aumentando i prezzi. Gli sviluppatori di app, tuttavia, supportano il disegno di legge per ragioni comprensibili.

“Hanno così tanto controllo su ciò che gli utenti possono ottenere, su ciò che le aziende possono fare e questo mette davvero queste aziende in una situazione difficile”, ha affermato Joe Sandin, CEO dello sviluppatore di Fargo Unsharp.

Il assemblea legislativa presenterebbe tre limitazioni alle marce di app online come Google Play e App Store.

Un proprietario di una piattaforma di distribuzione di applicazioni digitali per cui le entrate lorde cumulative dalle vendite sulla piattaforma di distribuzione di applicazioni digitali ai residenti di questo stato superano i dieci milioni di dollari nell’anno solare precedente o in corso non può:

  • Richiedi a uno sviluppatore di utilizzare una piattaforma di distribuzione di applicazioni digitali o una piattaforma di transazioni digitali come modalità esclusiva di distribuzione di un prodotto digitale.
  • Richiedere a uno sviluppatore di utilizzare un sistema di pagamento in-application come modalità esclusiva di accettare pagamenti da un utente per scaricare un’applicazione software o acquistare un prodotto digitale o fisico tramite un’applicazione software.
  • Rivaluta uno sviluppatore per aver scelto di utilizzare un app store alternativo o un sistema di pagamento in-application.

Inoltre, gli sviluppatori di app potranno vendere beni virtuali nei loro negozi in-app. Possono anche diffonderli al di fuori degli app store monopolistici, senza pericolo di essere vietati dalle piattaforme Andriod o iPhone. Tuttavia, Apple è incline e dichiarata in modo spettacolare quando si rivolge all’industria del Senato del Nord Dakota, al Comitato del lavoro e agli affari.

Secondo Erik Neuenschwander, Chief Privacy Engineer di Apple, “Questo disegno di legge minaccia di rovinare iPhone come lo conosci. Ridurrà la privacy, la sicurezza e le prestazioni che sono state progettate in iPhone. In altre parole, lavoriamo duramente per escludere app dannose dall’App Store; [this bill] potrebbe richiederci di farli entrare ”.

Il Senate Bill 2333 è ancora nelle fasi iniziali di dibattito e considerazione. Non è stata fissata una data di scadenza per un voto. Come ha affermato Jerry Klein, presidente del comitato, “c’è ancora da rimuginare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *