in

Gli smartphone Pixel 6 dovrebbero essere dotati di SoC prodotto da Google

Secondo un rapporto, i dispositivi Pixel di nuova generazione dovrebbero essere dotati di un chip SoC prodotto da Google. L’azienda sta lavorando insieme a Samsung per sviluppare questo chip SoC. Dovrebbe arrivare con i telefoni Pixel 6 quest’anno. L’informazione arriva a seguito di una precedente chiamata sugli utili in cui il CEO di Google Sundar Pichai ha spiegato “investimenti più profondi nell’hardware” e ha anticipato una “fantastica roadmap per il 2021”.

Lo Snapdragon 775 o 780G alimenterà i dispositivi Pixel 6, come da rapporti precedenti. Ma secondo le ultime novità di 9to5Google rapporto, quest’anno vedremo un SoC prodotto da Google denominato “Whitechapel”. Questo inizierà con il chip “GS101” nei dispositivi Pixel di prossima generazione, il rapporto ha condiviso i documenti interni di Google.

Il gigante della ricerca sta sviluppando GS101 insieme a Samsung. Il gigante tecnologico coreano ha molta esperienza nella progettazione di SoC Exynos per i suoi telefoni Android Galaxy.

Secondo Rapporto XDA-Developers, una configurazione a tre cluster con una TPU (Tensor Processing Unit) per un chip di sicurezza integrato e l’apprendimento automatico sarà la caratteristica di GS101.

Come Apple, anche Google prevede di utilizzare chip interni sia nei Chromebook che nei dispositivi Pixel a lungo termine. Apple utilizza la serie A su iPad e iPhone e gli ultimi M-chip sui suoi computer.

L’azienda potrebbe aspettarsi un alto livello di controllo sull’hardware Pixel integrando strettamente software e hardware. Fare un miglioramento rivoluzionario nella serie Pixel potrebbe essere una mossa intelligente se ci riuscissero. Perché non è un passaggio facile per un prodotto a basso volume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *