in

Forse i tuoi dati di Facebook vengono venduti su questa app di messaggistica rivale dagli hacker –

Un hacker che ha accesso ai tuoi dati di Facebook oa un database di oltre 50 milioni di profili Facebook utilizza un bot di Telegram per rivelare il numero di telefono di un utente di Facebook o l’ID di Facebook insieme a un numero di telefono noto.

L’hacker ha beneficiato di una scappatoia di sicurezza dal 2019, che ha consentito agli hacker di connettersi ID Facebook ai rispettivi numeri di telefono. Nel 2019, Facebook ha risolto il problema, ma il file Bot di Telegram può ancora associare i profili Facebook ai numeri di telefono di quel vecchio database.

Facebook ha oltre 2,74 miliardi di utenti attivi mensilmente, come rilevato a fine settembre 2020. E un nuovo hack ha influito sulla privacy di circa un quinto di loro. Tuttavia, l’hack non è nuovo in quanto risale a Agosto 2019, quando si è riscontrato che chiunque può accedere al numero di telefono associato a un profilo Facebook, o viceversa. Questo problema è stato risolto, ma ora è riemerso in modo più grave. Qualcuno ha monetizzato un database di circa 500 milioni di utenti Facebook. Ora, i numeri di telefono vengono venduti per $ 20 tramite un bot di Telegram. Acquistare all’ingrosso ti darà un buon affare.

Come da scheda madre rapporti, I clienti possono utilizzare il numero di telefono di una persona tramite il bot automatizzato di Telegram.

Al momento del lancio, il bot ha dichiarato: “Il bot aiuta a scoprire i numeri di cellulare degli utenti di Facebook”. Gli utenti possono quindi inserire un numero di telefono per ottenere il rispettivo ID Facebook o un altro profilo Facebook per avere il numero di telefono associato. Se disponibile, il bot mostrerà un risultato redatto per te. Per vedere le informazioni, devi avere un credito che vende per $ 20. Facendoti accedere a 10.000 crediti, i prezzi arrivano fino a $ 5.000. Il database è composto da utenti provenienti da Canada, Stati Uniti, Australia e altri quindici paesi.

Quando la scheda madre ha testato la barca, ha ottenuto il numero di telefono reale di un utente di Facebook che voleva mantenerlo privato. Facebook afferma che i dati provengono dalla vulnerabilità che è stata risolta nell’agosto 2019. Il database ha vecchi ID Facebook creati prima della correzione. Facebook stesso ha testato i bot per le informazioni più recenti e non ha trovato risultati. Tuttavia, può essere un problema significativo per gli utenti se il bot può ancora associare i vecchi ID di Facebook ai numeri di telefono.

Le persone dannose potrebbero facilmente trarre vantaggio dal bot per raccogliere dati in blocco per più hack che richiedono l’accesso al numero di telefono. Mentre ancora, altri possono indirizzare ID specifici, che potrebbero rivelarsi pericolosi per alcune persone. La soluzione semplice per risolvere questo problema è cambiare il numero di contatto per non avere rischi di hacker, un ex abusivo e persino un collegamento stalker al tuo profilo Facebook con il tuo numero di telefono o viceversa.

Sarebbe bello evitare di condividere i numeri di contatto attraverso i social network, in particolare Facebook. In passato, l’azienda utilizzava in modo improprio i numeri di telefono spingendo gli utenti a fornire i propri numeri di telefono e servizi. In effetti, Facebook intende acquisire più dati degli utenti da WhatsApp nel prossimo aggiornamento, probabilmente numeri di telefono degli utenti di WhatsApp.

Anche se Facebook dice di aver corretto i problemi di sicurezza del 2019, il danno era ancora in corso. A causa delle scappatoie di sicurezza di Facebook, l’enorme database è ancora in circolazione.

Alon Gal, CTO della società di cybersecurity Hudson Rock, ha dichiarato a Motherboard: “È importante che Facebook informi i suoi utenti di questa violazione, in modo che siano meno propensi a cadere vittime di diversi tentativi di hacking e ingegneria sociale”. Il pioniere a notificare al blog il bot di Telegram è stato il dirigente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *