in

Flare Networks (FLR) lancia la testnet Coston 2 mentre le truffe di furto d’identità sono in fiamme

Vladislav Sopov

Flare, una blockchain programmatica compatibile con EVM, ha rilanciato la sua testnet, Coston. Sfortunatamente, le truffe FLR stanno guadagnando terreno qua e là

Contenuti

  • Flare (FLR) rilancia la sua testnet: introducendo Coston 2
  • Attenzione ai truffatori: i “portafogli XRP / Flare interoperabili” non hanno nulla a che fare con Flare (FLR)

Il testnet di Coston 2 è attivo, gli appassionati di Flare (FLR) possono tornare ai loro esperimenti con la funzionalità Flare Networks. Allo stesso tempo, tutti i possessori di XRP dovrebbero rimanere vigili poiché i simboli FLR vengono utilizzati dalle truffe di impersonificazione.

Flare (FLR) rilancia la sua testnet: introducendo Coston 2

Secondo l’annuncio ufficiale condiviso dal team di Flare Networks sul suo account Twitter ufficiale, la rete di test Coston 2 di Flare è “live e peerable”. La seconda iterazione della testnet di Flare è stata pubblicata oggi, 27 marzo 2021.

Il team di Flare Networks rilancia la testnet Coston
Immagine tramite Twitter

Fin dal suo inizio, il Coston 2 di Flare prende lo stato solo da XRP; a breve verranno aggiunte altre reti integrate dal sistema. Prima del suo lancio, il team di Flare Networks ha condotto un controllo di sicurezza dettagliato della sua base di codice.

Come coperto da U.Oggi in precedenza, Coston è un ambiente testnet sandbox per la blockchain Flare. La sua prima iterazione, Coston 1, è stata terminata il 15 marzo 2021.

Le sue operazioni sono state interrotte a causa di problemi con il parametro “ChainID” della sincronizzazione di Metamask. Quindi, il team di Flare Networks ha deciso di attendere due settimane prima che il secondo codebase di testnet sia pronto.

Attenzione ai truffatori: i “portafogli XRP / Flare interoperabili” non hanno nulla a che fare con Flare (FLR)

Sfortunatamente, l’attività dei truffatori si concentra sui picchi di comunità FLR e XRP. Gli appassionati di comunità con gli occhi di aquila hanno individuato un sito Web che si promuove come “Il primo Ripple Wallet che chiude il cerchio su XRP <> Flare Interoperability”. Oltre all’archiviazione delle risorse, offre un servizio di picchettamento con il 20% di rendimento mensile.

I truffatori prendono di mira la comunità Flare

Durante il processo di registrazione, chiede agli utenti di condividere i dettagli dei loro account XRPL. Pertanto, è molto probabilmente progettato per dirottare le chiavi e le risorse degli utenti (i truffatori “accettano” XRP, USDT, BTC, ETH e LTC).

Il team di Flare Networks in modo esplicito negato qualsiasi collegamento tra questo sito Web sospetto e Flare (FLR).

Va notato che non esiste un portafoglio per l’utente finale per i token Flare (FLR) della rete principale poiché la blockchain non è ancora stata lanciata nella rete principale. Inoltre, nessuno strumento di staking equo può garantire premi mensili del 20% su token adottati in modo massiccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *