in

Fai attenzione: la backdoor è stata preinstallata sui dispositivi Android

La recente scoperta della preinstallazione di malware e backdoor durante il processo di produzione dei gadget Android ha colto di sorpresa il mondo. Una backdoor è semplicemente un tipo di software dannoso che aggira le normali metodologie di autenticazione per accedere a un determinato sistema di computer o rete. Ciò, quindi, significa che i produttori possono essere in grado di accedere alle informazioni personali di un cliente senza la conoscenza e il permesso dell’utente.

Come funzionano

La consapevolezza di possibili vulnerabilità di telefoni cellulari e computer ha indubbiamente spinto gli utenti a prestare maggiore attenzione quando utilizzano i loro gadget per trasmettere informazioni sensibili e preziose. Ciò significa che gli utenti sono diventati più intenzionali riguardo alle funzionalità di sicurezza che impiegano nei loro gadget. I clienti sono stati tuttavia resi impotenti alla luce della nuova scoperta di spyware preinstallato nei loro gadget.

Questo perché a queste applicazioni backdoor preinstallate è stato concesso il controllo e il potere sul gadget oltre le proporzioni ragionevoli. Sono in grado di controllare le operazioni di un dispositivo con una tale sottigliezza e furtività che è impossibile per gli utenti rilevare, figuriamoci fermare i meccanismi che queste backdoor usano per funzionare. È stato dimostrato che hanno la capacità di ottenere e inviare i dati dei client a server remoti senza la consapevolezza o il permesso degli utenti in questione.

Queste backdoor possono anche mascherarsi come programmi autentici come applicazioni di visualizzazione, nascondendo così il loro intento originale da utenti ignari. Alcuni di essi sono addirittura inaccessibili tramite il launcher che garantisce che gli utenti siano tenuti all’oscuro delle loro operazioni.

Operano in modi diversi che includono contenitori di dati che memorizzano i dati e come abilitatori di comunicazione che facilitano la trasmissione dei dati in questione a un server predeterminato.

Sono anche in grado di garantire ai criminali informatici l’accesso remoto a un determinato gadget, consentendo loro di tenere traccia di ogni azione che l’utente compie con il dispositivo in questione. Ciò significa che i truffatori possono essere in grado di accedere a password e dati importanti che possono utilizzare per danneggiare i clienti.

Secondo gli esperti, è probabile che questa grave violazione della privacy degli utenti aumenti a causa dell’importanza sempre crescente dei dati dall’avvento dell’era dell’informazione. La difficoltà insita nel prendere di mira gli autori di questo atto può anche consentirne l’aumento poiché si tratta di un problema che non può essere ricondotto a una specifica azienda o organizzazione.

Motivi per cui Android è il sistema operativo più vulnerabile dalle backdoor

Sebbene gli utenti Android siano il segmento di clientela più colpito, non sono certamente gli unici ad aver subito una violazione della loro privacy. Ciò significa che è stato riscontrato che lo spyware backdoor è preinstallato anche nei dispositivi in ​​esecuzione su altri sistemi operativi.

L’enorme numero di client Android ha tuttavia reso i suoi utenti un obiettivo primario per questa forma di furto di dati. I meccanismi coinvolti nella produzione e distribuzione dei dispositivi Android hanno anche creato delle scappatoie attraverso le quali i truffatori possono accedere a questo programma. Una di queste scappatoie è sicuramente la natura open source del software Android.

Il termine open-source è usato per fare riferimento a un programma la cui struttura e composizione sono pubblicamente disponibili e modificabili. Questa struttura di base del programma in questione è comunemente nota come codice sorgente. La natura open source del programma Android, quindi, significa che può essere facilmente manipolato dai programmatori per soddisfare qualsiasi esigenza possano avere in un dato momento.

Ciò a sua volta significa che è probabile che i produttori di dispositivi Android ereditino qualsiasi vulnerabilità del programma che potrebbe essere stata nel software Android di base utilizzato nella produzione delle applicazioni esaminate.

Possibili soluzioni

Gli utenti sono certamente impotenti quando si tratta di combattere i preinstallati. Questo perché non possono controllare né l’installazione né la funzionalità di questi programmi spyware. Ciò, quindi, significa che l’onere di risolvere questo problema ricade esattamente sulle spalle dei produttori di software e hardware. I produttori di hardware dovrebbero essere in grado di condurre esercizi di rilevamento dello spyware sui propri dispositivi prima di rilasciarli sul mercato.

Il software antivirus può anche essere incorporato nello sviluppo di applicazioni Android in modo da garantire che siano backdoor in termini di protezione informatica. Esiste un’ampia varietà di fonti dove puoi trovare antivirus per Android. I sistemi antivirus integrati possono essere aggiornati di volta in volta per garantire che rimangano efficaci.

Gli sviluppatori di software, d’altra parte, dovrebbero garantire che il codice che utilizzano nella produzione di applicazioni sia sicuro per l’uso da parte dei potenziali clienti. È tuttavia importante notare che un gran numero di sorgenti software rende estremamente difficile applicare la responsabilità laddove esistono tali difetti di programma.

Conclusione

Il furto di dati è diventato un’attività fiorente. Coloro che hanno il compito di proteggere la privacy degli utenti sembrano essere quelli che perpetrano l’intrusione e il furto di dati sensibili e personali dei clienti. A meno che ciò non venga rapidamente ridotto, gli utenti potrebbero guardare a un futuro senza alcuna parvenza di privacy dei dati per quanto riguarda i loro gadget.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *