in

Come impostare un editor esadecimale su Kali Linux

Se usi Kali Linux, a volte potresti dover modificare i file esadecimali. Per fortuna, ci sono alcune opzioni per la modifica esadecimale su Kali Linux. In questa guida, esamineremo queste opzioni e come configurarle.

Opzione 1 – GHex

L’opzione migliore per la modifica esadecimale su Kali Linux è con lo strumento GHex. È incluso nei sorgenti di Kali (basato su Debian Testing), quindi non c’è molto da fare per farlo funzionare.

Per iniziare con il software, dovrai aprire una finestra di terminale sul desktop Kali Linux. Per fare ciò, puoi premere il pulsante Ctrl + Alt + T combinazione di tastiera. In alternativa, cerca “Terminale” nel menu dell’app e avvialo in questo modo.

Con la finestra del terminale aperta e pronta per l’uso, digita apt install per il pacchetto “ghex”. Questo comando farà funzionare il programma sul tuo computer.

sudo apt install ghex

Dopo aver inserito il comando sopra, Kali Linux ti chiederà di inserire la tua password. Avrai bisogno di farlo, poiché il file sudo il comando è un file comando root e non funzionerà senza di esso.

Inserisci la tua password. Dopo aver finito di inserirlo, il terminale inizierà a raccogliere il pacchetto “ghex”, così come tutti i file di dipendenza e i pacchetti richiesti per usare Ghex. Questo processo non dovrebbe richiedere molto tempo.

Quando tutto è pronto, ti verrà chiesto di premere il pulsante Y sulla tastiera per confermare a Kali che desideri installare Ghex. Fallo e lo strumento di modifica esadecimale Ghex sarà attivo e funzionante sul tuo sistema.

Per utilizzare Ghex su Kali, apri il menu dell’app, quindi cerca “Ghex”.

Opzione 2 – HexPad

Se GHex non fa per te e hai ancora bisogno di avere un editor esadecimale attivo e funzionante sulla tua installazione di Kali Linux, un’altra grande opzione da guardare è HexPad. È un semplice editor esadecimale di solo testo su Ubuntu Snap Store.

Perché utilizzare uno strumento di editor esadecimale dallo Snap Store su una distribuzione di sicurezza come Kali, chiedi? Bene, gli snap sono tutti sandbox, quindi il codice all’interno del pacchetto snap non può toccare il resto del tuo sistema operativo. Questa è una buona sicurezza nel mio libro.

Per iniziare con HexPad, devi prima installare il runtime Snap su Kali. Ecco come farlo. Innanzitutto, apri una finestra di terminale sul desktop di Kali premendo Ctrl + Alt + T o cercando “Terminal”.

Nota: di seguito è riportata una breve spiegazione su come configurare i pacchetti Snap su Kali Linux. Se hai bisogno di maggiori informazioni su Snap, si prega di consultare la nostra guida sulla configurazione di Snaps su Linux.

Una volta aperta la finestra del terminale, installa il pacchetto “snapd” con il comando seguente.

sudo apt install snapd

Dopo aver installato il software, abilitare il file “snapd.socket” utilizzando l’estensione systemctl comando di seguito.

sudo systemctl enable snapd.socket

Avvia il file “snapd.socket” utilizzando l’estensione systemctl comando di seguito.

sudo systemctl start snapd.socket

Con il file “snapd.socket” abilitato, aggiungi Snap al tuo percorso con l’estensione eco comando di seguito.

export PATH="$PATH:/snap/bin"

Dopo aver aggiunto Snap al tuo percorso, dovrai installare App Armor. Senza AppArmor, Kali potrebbe bloccare l’esecuzione dei pacchetti Snap.

sudo apt install apparmor

Infine, dopo aver configurato App Armor, sarai in grado di installare l’editor esadecimale HexPad utilizzando il installazione a scatto comando di seguito.

sudo snap install hexpad

Per accedere all’editor HexPad, inserisci il file hexpad comando di seguito in una finestra di terminale.

hexpad

Opzione 3 – Octet

Una terza opzione per modificare i file esadecimali è Okteta. È un DOVE applicazione, ma funziona bene su Kali ed è incluso nelle sorgenti software di Kali Linux. Per andare avanti con questa applicazione, avvia una finestra di terminale premendo Ctrl + Alt + T sulla tastiera o cerca “Terminale” nel menu dell’app.

Con la finestra del terminale aperta, l’installazione può iniziare. Nel terminale, usa il apt install comando per installare il pacchetto “okteta” in Kali.

sudo apt install okteta

Dopo aver inserito il comando sopra, Kali ti chiederà di inserire la tua password. Kali chiede la tua password perché sudo è un comando di root e un utente normale non può eseguire funzioni di root senza una password.

Una volta inserita la password, Kali inizierà a raccogliere tutte le dipendenze necessarie per installare Okteta, così come il pacchetto “okteta”. Quando tutto è pronto, ti verrà chiesto di premere Y continuare. Fallo per installare i pacchetti.

L’installazione di Okteta su Kali richiederà solo un paio di secondi, poiché i file sono piccoli. Al termine del processo di installazione, chiudere la finestra del terminale. Per utilizzare l’editor esadecimale Okteta su Kali, cerca “Okteta” nel menu dell’app e avvialo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *